Skip to main content

La nostra missione

Sosteniamo ragazzi e ragazze provenienti da zone in difficoltà in modo che possano andare a scuola, prendersi cura di se stessi, vivere una vita dignitosa e rimanere nel proprio paese e con la propria famiglia.

Miriamo a migliorare la vita dell’intera comunità e non solo del singolo bambino, promuovendo anche progetti comunitari, come la creazione di asili nido e centri di apprendimento permanente per l’intero villaggio: i centri umanisti multifunzionali.

Energia per i diritti umani ha un carattere internazionalista ed è composta da un gruppo di individui di diverse culture, religioni, lingue, aspirazioni, credenze, condizioni economiche e sociali che si organizzano per dare impulso a un grande cambiamento sociale.

L’obiettivo principale di Energia è la creazione di una rete permanente di relazioni umane il cui scopo è migliorare le condizioni di vita, la salute e l’istruzione nelle comunità in cui opera. Questa rete di relazioni inizia con un volontario in Italia e finisce nei paesi più lontani dei paesi in cui operiamo. Questa relazione è permanente e in crescita in modo che ciò che ogni individuo riceve lo dia agli altri.

Chi siamo

L’Associazione Energia per i Diritti Umani, “Energia per i Diritti Umani”, è stata fondata nel dicembre 1998 a Roma per la tutela dei diritti umani nel mondo. L’associazione si ispira e unisce il momento della sua fondazione al Movimento Umanista.

Nel 2003 si costituisce come Onlus (organizzazione senza scopo di lucro di utilità sociale) e nel 2004 aderisce a “La Gabbianella, Coordinamento per le Adozioni a Distanza” sottoscrivendo la Carta dei Principi e la Carta dei Criteri di Qualità.

È un’associazione aconfessionale e autofinanziata. Ha iniziative in: Senegal, Gambia e Italia.

Niente al di sopra dell’essere umano, nessun essere umano al di sotto di un altro.

I membri di Energia condividono un atteggiamento umanista che afferma:

L'uguaglianza di tutti gli esseri umani, la libertà di idee e di convinzioni, il ripudio della violenza, la ricerca della coerenza nelle azioni e il bisogno di solidarietà tra i popoli.

Gli umanisti promuovono, in ogni Paese e in ogni occasione, il rispetto dei diritti umani e la trasformazione dell’attuale sistema sociale e politico che produce la miseria e l’emarginazione a cui assistiamo ogni giorno.

Gli umanisti denunciano il grande potenziale economico (Banca Mondiale, Fondo Monetario Internazionale, multinazionali, ecc.) che, invece di utilizzare le enormi risorse scientifiche, monetarie e tecnologiche che la società umana oggi possiede per risolvere i problemi di nutrizione e salute, non si fanno scrupoli impoverire e cancellare milioni di individui per favorire i propri interessi.

Gli umanisti ritengono che per cambiare la direzione degli eventi, l’unione di tutte le persone che riconoscono il valore dell’essere umano come una priorità e che, non accettando le condizioni attuali come “inevitabili”, lottano per il futuro dell’umanità.

Reciprocità e non Umanitarismo: se ricevi, ti impegnerai a dare agli altri.

Il contesto in cui nasce Energy for Human Rights:

Ogni essere umano, per il solo fatto di nascere, ha diritto alla salute, all'alimentazione, all'istruzione, alla casa e ad un'esistenza dignitosa... Ogni essere umano ha diritto alla felicità e alla pienezza della sua esistenza.

Povertà, fame, malattie, guerre, terrorismo, sfruttamento, scontro tra culture, discriminazioni, sconvolgimenti ambientali… ma anche solitudine, disperazione, insicurezza… Tutto questo è intimamente legato al sistema della vita attuale, disumano e violento.

Questo sistema, basato sull’aggressività e sulla concorrenza, sulla frenesia di accumulare beni, sul legittimo esercizio della violenza per ottenere particolari benefici, non può che portare questi frutti. Sarebbe quindi ingenuo attendersi un’evoluzione verso un mondo migliore attraverso riforme a breve termine che non trasformino radicalmente l’attuale scala dei valori e dell’organizzazione sociale, politica ed economica.

È assurdo continuare a credere che l’evoluzione e il progresso vengano da banche, multinazionali e governi. Sono loro che hanno prodotto questa situazione e che vogliono mantenerla.

Questo sistema non può essere “migliorato”: è semplicemente da rifare.

L’unica via d’uscita è che le persone si facciano carico del cambiamento, iniziando ad organizzarsi e ad agire in prima persona, a partire dal proprio ambiente quotidiano e immediato, per poi estendere la propria azione ai limiti delle proprie possibilità.

Solo le persone possono dare soluzioni ai problemi delle persone.

Oggi, molti individui e organizzazioni si impegnano in varie attività sociali in buona fede, ma non si verificherà alcuna trasformazione veramente significativa a meno che non collaborino a un progetto globale volto a creare una nuova civiltà umana.

Le stesse attività promosse da Energia per i Diritti Umani rischierebbero di non raggiungere le trasformazioni auspicate, se non facessero parte di un progetto più ampio, globale e non violento: il Movimento Umanista. Un progetto che, investendo il campo culturale, sociale e politico, è stato attivato in 110 paesi del mondo ed è condiviso da 5 milioni di volontari (dati aggiornati a giugno 2008). La sua aspirazione è la realizzazione della Nazione Umana Universale dove ogni individuo, per il solo fatto di nascere, vede riconosciuti i suoi diritti alla salute, all’educazione, all’uguaglianza di opportunità e anche il diritto alla felicità e alla pienezza della propria esistenza.

L’Umanesimo Universalista aspira alla costruzione di una Nazione Umana Universale come obiettivo del processo sociale umano. Lavorare per questo obiettivo implica una metodologia d’azione coerente con la sua etica. Questa metodologia è la nonviolenza.

La nonviolenza può essere intesa come un determinato sistema di concetti morali che rifiutano la violenza e come una strategia di lotta consistente nella denuncia sistematica di tutte le forme di violenza esercitate dal sistema.

Riconosce tra i suoi antecedenti le azioni sviluppate da Mahatma Ghandi, Martin L. King e Kwame Nkrumah, tra gli altri.

A differenza del pacifismo, che è una denuncia dell’armamentismo, la nonviolenza si costituisce come metodo di azione e stile di vita.

Questo metodo di azione combina la coerenza interna di pensare, sentire e agire nella stessa direzione, con la coerenza sociale di trattare gli altri nel modo in cui si vorrebbe essere trattati.

L’essere umano, nel suo movimento verso la libertà, cioè nella lotta per superare le condizioni di dolore e sofferenza, trova nella metodologia della nonviolenza uno strumento di trasformazione dell’ambiente storico-sociale coerente con la costruzione della Nazione Umana Universale e con il proprio registro di unità interna.

La nostra organizzazione

Al momento sono attivi 2 gruppi di lavoro e 2 gruppi di gestione. Le squadre si riuniscono settimanalmente presso la sede dell’associazione, mentre i gruppi dirigenziali si riuniscono secondo necessità.

  • Equipe Educazione alla Nonviolenza e al Multiculturalismo | Per info: edoardo.calizza@uniroma1.it
  • Equipe Ambiente / Sicurezza alimentare / energia solare | Per info: marco.inglessis@gmail.com
  • Gruppo di gestione del SAD | Per info: sadenergia@gmail.com
  • Management Group Stage-Bilancio-Amministrazione | Per info: info@energiaperidirittiumani.it
Spread the love
Energia per i diritti umani onlus

C.F.97289510584
Via dei Latini 14, 00185 Roma (San Lorenzo)
energiaperidirittiumani.it
info@sostegnoadistanza.eu
+39 06 89479213