Skip to main content
India

Aggiornamenti dall’India: cosa sta succedendo

By Luglio 7, 2020No Comments

All’inizio di aprile avevamo pubblicato un primo “rapporto” su come stessero cambiando le cose in India da quando è iniziato il lockdown, con i bambini costretti e di ritorno dalle loro famiglie e la preoccupazione per il sostentamento della popolazione locale . Sono passati 3 mesi… in questo secondo post cerchiamo sempre di ricostruire con Peter Raj – presidente di Aid India e responsabile dell’Island of Hope Orphanage e della Ave Maria Matriculation School – cosa è successo nel frattempo e di ipotizzare alcuni scenari futuri. Vi lasciamo con la storia di Peter:

“Nel Tamil Nadu, regione sud-orientale dell’India, non era prevista una diffusione così rapida del coronavirus. I primi casi sono stati identificati a Chennai, la città più importante della zona, a marzo. Il lockdown è stato decretato a fine mese in tutta l’India. Il virus si è diffuso rapidamente in altre città del Tamil Nadu, passando da circa 900 casi ad aprile a oltre 120.000 all’inizio di luglio, con circa 1.700 morti. L’epidemia è praticamente fuori controllo. di Chennai è la più colpita, la gente evita di andarci e i suoi abitanti non sono ben accolti nel resto della regione. Negli ospedali sono stati aperti i reparti Covid, ma non esiste una cura specifica, quindi i medici fanno il possibile con i farmaci a loro disposizione. Le autorità nazionali e regionali sono in difficoltà di fronte a questa nuova situazione e non sanno cosa fare.

Da mesi il governo porta avanti una campagna di sensibilizzazione sulla prevenzione attraverso sms e telefonate, oltre che online e in televisione. Sono in atto rigorose misure di distanziamento fisico ed eventi come matrimoni e funerali sono limitati alla stretta cerchia familiare. In realtà, vista l’altissima densità di popolazione delle città, il lockdown è più sulla carta che nella realtà. Molti non rispettano i comportamenti preventivi e quindi il virus continua a diffondersi rapidamente. La mobilità tra province è limitata, è necessario un permesso di viaggio che si richiede online. Al confine provinciale va superata la visita medica. Coloro che tornano a casa da un’altra provincia devono osservare un periodo di isolamento fiduciario di 14 giorni.

Il governo ha ordinato a tutte le strutture residenziali per bambini di mandare a casa tutti gli ospiti. Nel caso degli orfanotrofi, come la nostra struttura “L’Isola della Speranza”, questa misura non è di facile attuazione, ma le autorità sono state molto severe, hanno visitato la struttura per verificare che non ci fosse più nessuno. Abbiamo dovuto mandare i bambini a casa di parenti, come zii e nonni. Ci teniamo in contatto con gli orfani, con telefonate periodiche, e forniamo cibo alle famiglie che li ospitano. Anche gli studenti della Scuola di Matricola Ave Maria sono rientrati a casa, ma noi rimaniamo in contatto con loro e forniamo loro supporto. Fortunatamente, al momento nessun bambino ospitato nelle nostre due strutture è stato contagiato. Per quanto riguarda l’istruzione, tutti gli alunni sono stati automaticamente promossi alla classe successiva. Le scuole sono chiuse a tempo indeterminato per decisione del governo. Non si sa quando riapriranno.

Le reti di microcredito sono consolidati e portano avanti le loro attività in collaborazione con le banche locali, che custodiscono i loro risparmi e forniscono loro credito. Sta di fatto che la situazione economica complessiva è molto difficile in questa fase. La disoccupazione sta aumentando. Il governo fornisce un sussidio di circa 15 euro al mese a famiglia, oltre a sussidio derrate alimentari. Questi provvedimenti non sono sufficienti, ma non si può fare di più per avere fondi. Molte industrie sono chiuse e dunque anche i prodotti agricoli restano in parte invenduti. Per esempio il cotone non ha mercato perché le industrie tessili sono chiuse. I negozi sono aperti solo in alcune fasce orarie. Si tratta di una crisi economica pesante, soprattutto il Tamil Nadu. Non sappiamo quando finirà la pandemia e l’economia potrà ripartire. In ogni caso ci vorranno anni per riprendersi.”

Peter Raj (presidente di AID India)

Spread the love
Energia per i diritti umani onlus

C.F.97289510584
Via dei Latini 14, 00185 Roma (San Lorenzo)
energiaperidirittiumani.it
info@sostegnoadistanza.eu
+39 06 89479213

Leave a Reply